Biografia

Marco Maculotti nasce a Cremona il 14 luglio 1988. Dopo gli studi classici, si laurea in Giurisprudenza all’Università degli Studi di Milano con una tesi in Antropologia Giuridica sul riconoscimento dei diritti dei popoli nativi del Canada.

In ambito tradizionale, si interessa inizialmente allo gnosticismo, all’ermetismo alessandrino e ad altre correnti misteriche del mondo antico, nonché alla psicologia archetipica del Novecento e alla teosofia. Si dedica poi all’approfondimento di miti e riti sia della tradizione indoeuropea che non, non di rado facendo uso di una prospettiva comparatistica.

13584869_10208950855742146_718873870472516265_o
Presso un circolo megalitico nella regione scozzese dell’Aberdeenshire, estate 2016.

In seguito, si concentra sullo studio delle dottrine dei cicli cosmici, sulla dicotomia eliadiana fra «tempo sacro» e «tempo profano» (e fra «tempo circolare» e «tempo lineare») e sull’astroteologia di scuola Santillana-Dechend. Il suo approccio di ricerca e analisi della tradizione, come della mitologia antica e del folklore, è fortemente debitore di studiosi come Mircea Eliade, Giorgio Colli, Ernst Jünger, Carlo Ginzburg — nonché di autori più “esoterici” quali Julius Evola e René Guénon.

Gli studi sui riti connessi al calendario sacro (dall’antichità al Medioevo) lo portano ad approfondire in particolar modo l’ambito cultuale e culturale dello sciamanesimo e delle «tecniche dell’estasi», con uno speciale occhio di riguardo ai viaggi «in spirito» in dimensione altre. A ciò è strettamente connesso l’interesse non secondario sulle tradizioni del folklore di tutto il mondo riguardanti piani di esistenza differenti da quello esperibile quotidianamente nello stato ordinario di coscienza, nonché sulle entità che vi dimorano, ascrivibili alla categoria dei fairies (gli autori di riferimento qui sono Robert Kirk, Lewis Spence, W.Y. Evans-Wenz e W.B. Yeats).

53292331_10217428194030305_172449718687760384_o
Presso il sito archeologico di Ollantaytambo, nella Valle Sacra di Cuzco in Perù; estate 2016.

Gli interessi e le passioni qui brevemente riassunti, concernenti il mondo antico e l’esperienza del Sacro, lo conducono spesso in giro per il mondo. Particolarmente significativi sono stati i viaggi in Indonesia, Perù, India e Mongolia — grazie ai quali hanno preso forma una serie di reportage corredati da fotografie; una selezione di quelle scattate in Mongolia è stata esposta in un’esposizione temporanea presso La Dogana di Milano, nell’estate del 2018 — ma ha visitato anche, tra le altre mete, l’Egitto, il Marocco, il Nepal, la Cina e il Messico, prendendo parte a rituali tradizionali in Yucatan, in Perù e sull’isola di Giava.

Nel 2019 inizia a partecipare in veste di relatore a diversi convegni riguardanti le tematiche di cui sopra, esponendo al pubblico — in una serie di conferenze tenute fra la Lombardia, il Veneto, il Piemonte e l’Emilia Romagna — alcune delle sue tematiche predilette: lo sciamanesimo e le tecniche sacre dell’estasi e la possibilità per l’essere umano di fare esperienza del mondo soprasensibile e di interagire con intelligenze del «piano sottile».

55786333_2064771877153468_8885379164589260800_n (1)
Parlando di Robert Kirk a “L’Alba d’Occidente: Convegno Nazionale di Esoterismo Occidentale”, presso l’Oratorio di San Tiburzio a Parma; marzo 2019.

Oltre ad essere il fondatore, direttore e curatore di AXIS mundi, collabora con varie riviste online e cartacee — tra cui Antarès, Dimensione Cosmica, InlandHyperborea (Italian Sword&Sorcery), CulturificioIl Cartello, YAWP — e con alcune case editrici.

Tra gli scrittori di narrativa, predilige H. Hesse, A. Schnitzler, T. Bernhard, F. Dostoevskij, E.T.A. Hoffmann, E.A. Poe, H.P. Lovecraft, A. Machen.

Nel tempo libero si diletta nella scrittura di racconti «lovecraftiani». In passato è stato il curatore di B-Movie Zone, un blog di recensioni cinematografiche di film c.d. «di genere».


IMG_2385
Presso il sito archeologico di Sacsayhuaman, nella Valle Sacra di Cuzco in Perù; estate 2016.