«Il continuum fantastico: una conversazione sul mistero letterario»

“Si danno ore, e perfino interi giorni, che sono, lo dico senza ambagi, come strappi nel tessuto approssimativo e plausibile della nostra esistenza […] come se v’avessero costretto a buttare un’occhiata sull’oscuro rovescio delle cose, là dove tutto è gelo e orrore. Ossia come se aveste dato di volta alla luna”.

(Tommaso Landolfi, Voltaluna, 1942)

Psy*Co*Re, AXIS mundi & Mens ex Machina

hanno il piacere di presentare

Il CONTINUUM FANTASTICO:
conversazione sul mistero letterario

5 febbraio 2021


La letteratura fantastica, sempre se tutta la letteratura nella sua totalità non aspiri al fantastico, è una grandiosa cerimonia laica, un rito silenzioso che propizia l’incontro con il radicalmente altro (ciò che per Rudolf Otto è àmbito di pertinenza della religione), veicolo di straniamento radicale, via e metodo del paradossale, di una logica psichica diversa (e non riducibile alla logica discorsiva) che può irrompere nella prigione quotidiana come una misteriosa breccia nel muro delle nostre credenze. Il fantastico è uno psichedelico che apre ad esperienze straordinarie a partire dal un piccolo elemento fuori luogo, qualcosa che non va (come in Time out of Joint di PK Dick) oppure per mezzo di una violenta rottura del piano intramondano (come quella provocata dall’inalazione di orrore cosmico lovecraftiano).

A cura di Simone Capozzi, una conversazione on-line con:

DIRETTA YOUTUBE
EVENTO FACEBOOK

Rispondi