La peste e i simulacra del controllo sociale nel โ€œDe Rerum Naturaโ€ di Lucrezio

Nel โ€œDe Rerum Naturaโ€, scritto durante lโ€™era repubblicana e riscoperto solo nel Quattrocento, Lucrezio mette in scena la descrizione della peste di Atene del 430 a.C.: il quadro รจ deliberatamente desolante e porta i tratti mitici dellโ€™indefinitezza spazio-temporale che caratterizza le epoche crepuscolari. Caduti definitivamente i soggetti e gli orizzonti spazio-temporali, ciรฒ che rimane รจ un tetro quadro di morte dalle forme spettacolari e macabre, che nondimeno lโ€™autore sfrutta per veicolare una critica etica, facendo uso di un lessico solennemente ricco dโ€™arcaismi, capace di sondare luoghi inesplorati dellโ€™animo umano e della parola stessa.