William Butler Yeats, navigatore della Grande Memoria

Risalendo in direzione contraria la corrente, W.B. Yeats si fece bardo in un’epoca che aveva bandito ogni carme, dimenticato Arcadia, negato e ridicolizzato la conoscenza degli antichi Druidi. L’intera sua opera — e prima ancora l’intera sua esistenza — fu consacrata a una Visione, fondata sulla cosiddetta «Grande Memoria», una sorta di Anima Mundi dei […]

Articoli correlati:
Sulla realtà perenne del mito: “La sapienza segreta delle api” di Pamela Lyndon Travers

Nei saggi contenuti in "What the Bee Knows. Reflections on Myth, Symbol and Story", recentemente pubblicato in italiano da LiberiLibri, Read more

Percy Bysshe Shelley: Prometeo nel Vento

8/7/1822 -- 8/7/2020: quasi due secoli dall'annegamento di Percy Bysshe Shelley, la cui figura divenne subito ammirata e venerata dagli Read more

Apollo il Distruttore: «coincidentia oppositorum» nella mistica e nell’escatologia iperborea

Sebbene considerato per lo più nella sua accezione "luminosa" ed "uranica", nella tradizione arcaica Apollo unisce nella sua mistica ed Read more

Dioniso allo specchio: la maschera, il Daimon e la metafisica dell’«altro-da-sé»

La maschera e la metafisica dell'«altro-da-sé»: le iniziazioni giovanili nell'antica Roma e i simbolismi dionisiaci secondo Károli Kerényi e Walter Read more