Video-diretta: “Il mito di Agartha & Shambhala”, con Paolo Dolzan

Domani sera alle 21:00 sul nostro canale YouTube andrà in onda la terza video-diretta di questo mese. Dopo Paola Giovetti e Massimo Centini, a questo giro avremo il piacere di ospitare Paolo Dolzan, ideatore del sito e canale “Il Tetano della Quinta Razza”, per discutere del mito di Agartha e Shambhala nell’occultismo e nella realtà alternativa dell’ultimo secolo e mezzo.

VIDEO-DIRETTA:


ABSTRACT:

Con le denominazioni di Agartha e Shambhala (e simili) si è soliti indicare una mitica città o regno perduto, invisibile per l’umanità ordinaria innanzitutto perché ubicato nel sottosuolo, e in secondo luogo perché posto su un piano dimensionale diverso dal nostro, a cui è permesso di accedere solo agli iniziati che lo sappiano trovare. Il regno invisibile sarebbe governato da un “Re del Mondo” a cui risponderebbero in qualche modo tutte le nazioni di superficie, e abitato da una superumanità ormai libera dai vincoli della materia. La leggenda, sebbene si ritrovi qua e là nelle antiche tradizioni orientali indo-buddhiste e nei racconti orali dell’area mongolo-siberiana, venne fatta conoscere in Occidente da una serie di scritti esoterici ed occultistici pubblicati a partire dalla seconda metà del XIX secolo. 

Gurdjieff e soprattutto I teosofi, a partire dalla Blavatsky (“La dottrina segreta”, 1888), alimentarono il mito e la posero nel sottosuolo del deserto del Gobi, affermando che il centro iniziatico nei tempi antidiluviani era in superficie, e giaceva al di sopra di un’isola in un mare interno. Tuttavia in altri scritti il mitico regno segreto viene localizzato nell’Himalaya, tra il Tibet, l’India e il Nepal. Nei primi decenni del XX secolo ne scrissero Alexandre Saint-Yves d’Alveydre (“Missione dell’India in Europa”, 1910), il polacco Ferdynand Ossendowski (“Bestie, Uomini e Dèi”, 1922), René Guénon (“Il Re del Mondo”, 1927) e il pittore ed esploratore russo Nicholas Roerich (“Shambhala”, 1930). 

LEGGI ANCHE  L'esplorazione altaica di Nicholas Roerich alla ricerca di Belovodye, "la Terra degli Dèi Viventi"

La leggenda si ritrova persino nella fiction narrativa, da Edward Bulwer-Lytton (“La razza ventura”, 1871) a Willis George Emerson (“Il dio fumoso”, 1908) e ad essa si interessano anche gli opposti schieramenti dello scacchiere bellico internazionale, dai sovietici ai nazisti, che la cercarono negli altipiani del Tibet con le spedizioni del reparto Ahnenerbe. Ma, denominazioni e localizzazioni geografiche a parte, il topos del centro iniziatico occulto (o meglio, occultato al termine del proprio ciclo) conosce parallelismi in tutto il mondo tradizionale, dai Celti agli indiani, dai cinesi agli amerindi, e ovunque è ben radicato nella perenne, seppur cangiante, super-realtà del Mito.


PAOLO DOLZAN:

Paolo Dolzan (Mezzolombardo, 1974) è artista formatosi a Venezia, presso l’Accademia di Belle Arti e nell’ambiente culturale della città lagunare della fine degli anni ’90. Da oltre vent’anni ha stretto numerosi rapporti di collaborazione con artisti e intellettuali e conduce attività espositiva a livello internazionale (Cina, Giappone, Russia, Usa, Europa, Africa,ecc.).  Nel 2019 ha rappresentato l’Italia alla XIII Biennale Internazionale del Cairo (Egitto). Nel corso degli anni ha sviluppato progetti a sfondo sociale, a contatto con le realtà degli istituti psichiatrici e penitenziari. La sua formazione artistica è affiancata da un percorso di ricerca che spazia in vari campi dell’ “insolito”: esoterismo, occultismo, criptozoologia, archeologia, antropogenesi, sciamanesimo. Gi esiti delle sue indagini sono divulgati attraverso la pubblicazione di articoli e video sul sito e sul canale YouTube “Il Tetano della Quinta Razza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *